emu
Garelli Motorcycles

Garelli Storia

A Brief History of the Italian Marque


Garelli moto d'epoca

L'avventura di questa marca di motocicli prende avvio il 10 gennaio 1914 quando, in pieno inverno, l'ing. Adalberto Garelli in sella ad un prototipo di sua costruzione, è il primo motociclista a raggiungere la caserma dell'Ospizio del Moncenisio a quota 1.925.

Il motore del prototipo è un due tempi a cilindro sdoppiato gia' brevettato dall' ing. Garelli nel 1912.

La moto Garelli nasce nel 1919 a Sesto San Giovanni in un area prospicente viale Casiraghi e torna alla ribalta delle cronache nello stesso anno quando vince il primo raid Nord-Sud, Milano-Napoli in una sola tappa, guidata dal pilota Ettore Girardi.

La Garelli 350 a cilindro sdoppiato si aggiudica anche la prima edizione del Circuito del Lario nel 1921 e il primo Gran Premio d'Italia nel 1922 con Ernesto Gnesa.

Molti sono i modelli di Garelli 350 realizzati, sia da strada che da corsa, ma tutti rigorosamente con motore a due tempi a cilindro sdoppiato di 350cc.

Solo il prototipo del Moncenisio sembra avesse motore di 500 cc. La Garelli 350 viene costruita, ovviamente con continue modifiche e aggiornamenti, fino al 1936.

Ma gia' da una decina di anni il settore motociclistico va riducendosi a favore di altre iniziative.

Infatti, dal 1928, alla produzione di moto viene affiancata quella della costruzione di aviocompressori ad aria compressa forniti agli eserciti italiano, russo e giapponese; oltre alla realizzazione di motogeneratori per carri armati.

Alla Garelli di moto non si parla più fino al secondo dopoguerra quando, nel 1946, viene costruito il Mosquito, micromotore con trasmissione a rullo di aderenza che ha avuto una grandissima diffusione.

Nel 1956 vede la luce il Mosquito 315 ciclomotore completo con cambio a tre marce. Seguono realizzazioni motociclistiche con veicoli di 70, 98 e 100 cc.

Nel 1959 viene prodotto il Gar Mar, motore fuoribordi di 70 cc e della potenza di 3 CV.

La Garelli nei suoi quasi cinquanta anni di esistenza ha prodotto, tra moto, ciclomotori e motori, oltre un milione e 500 mila pezzi.

Nel 1961 avviene la fusione della Garelli col gruppo industriale Agrati che per altro gia' produceva il motoscooter modello Capri dotato di motore Garelli a raffreddamento con aria forzata.

Gli stabilimenti Garelli di Sesto chiudono definitivamente i battenti nel 1987 mentre il marchio Garelli viene ceduto da altra societa' e oggi appartiene alla NUOVA GARELLI S.p.A.

Da ricordare che l'ing. Garelli ha iniziato la sua attivita' lavorativa nel 1909 alla Fiat, nel 1912 è alla Bianchi dove progetta e brevetta un cambio per moto a due velocita' e dal 1915 al 1918 ha diretto gli stabilimenti Stucchi.


Adalberto Garelli, with a degree in engineering, began his career in 1909 with Fiat, then in 1912 moved to Bianchi where he designed and patented a two-speed gearbox for motorcycles, and from 1915 to 1918 he directed the Stucchi concern.

The story of the marque begins on January 10, 1914 when, in the middle of winter, Garelli rode his prototype to first place in a hillclimb to the Hospice of Mont Cenis, an altitude of 1,925 metres.

The two-stroke engine used in his machines was patented by ing. Garelli in 1912. This was the engine which went on to become the most popular of all two-stroke designs and remained in fashion for the next 50 years.

The Garelli company was founded in 1919 and production of motorcycles began in viale Casiraghi, Sesto San Giovanni, Milan. Tha year they won the first Nord-Sud, Milano-Napoli long-distance race with Ettore Girardi riding the full 840 km at an average speed of 38 km/h over some very difficult roads.

The Garelli 350cc split-single also won the first edition of the Circuito del Lario in 1921 and the first Italian Grand Prix in 1922 with Ernesto Gnesa.

Many models are produced, both road and racing, all with the split cylinder 350cc two-stroke engine.

Only the prototype of the Mont Cenis winner seems to have had a 500cc engine. The Garelli 350 is built, with constant changes and updates, until 1936 ¹.

From 1928 the production of motorcycles was accompanied by that of compressor engines supplied to the Italian, Russian and Japanese militaries, and the construction of tanks for motor generators.

After the Second World War they produced the Mosquito micromotor, a bicycle attachment engine with roller drive to the tyre, he first appearing in 1946.

In 1956 they released the three-speed 315 Mosquito moped, followed by motorcycles of with 70, 98 and 100 cc.

In 1959 they introduced the Gar Mar, a 70 cc 3hp outboard engine.

Over some fifty years the Garelli company produced more than 1,500,000 machines including motorcycles, mopeds and industrial engines.

In 1961 Garelli merged with industrial group Agrati. Capri scooters with Garelli fan-cooled engine were built.

In World Championship events from 1982 to 1987 the Garelli 125 GP achieved six titles with Angel Nieto, Fausto Gresini and Luca Cadalora.

The Garelli factory closed its doors permanently in 1987. The marque was later acquired by New Garelli S.p.A., owned by Paolo Berlusconi, brother Italy's colourful prime minister Silvio.

Notes


1. Possibly 1926, not 1936.

Scuza Itanglish

Sources: Moto di Lombardia



If you have a query about these vintage Italian machines, please contact us

Melbourne Motorcycle Workshop
Melbourne Motorcycle Workshop
Dyno Tuning, Performance Enhancements, Sports Bikes and Offroad. Rebuilds, Race Preparation and Classic Restorations.